omesso versamento di ritenute previdenziali

Omesso versamento delle ritenute previdenziali e

Con la Circolare n. 121 del 5 luglio 2016, l’INPS illustra il nuovo quadro normativo a seguito dell’intervento di parziale depenalizzazione del reato di omesso versamento delle ritenute previdenziali.

QPA – Omesso versamento di ritenute previdenziali: le

Omesso versamento di ritenute previdenziali: le conseguenze dopo la depenalizzazione. Photo Credit copelaes. Il nuovo quadro normativo illustrato nella circolare n. 121 del 5.7.2016. Le soglie di rilevanza per la sanzione penale.

Il reato di omesso versamento delle ritenute previdenziali

Il reato di omesso versamento delle ritenute previdenziali e assistenziali di Samantha Minutolo [*] L’art. 2 del decreto legge 12 settembre 1983, n. 463, convertito con modificazioni dalla legge 11 novembre 1983, n. 638, punisce con la reclusione fino a tre anni e con la multa fino ad euro 1032,91, il datore di lavoro che omette di versare le ritenute previdenziali ed assistenziali sulle

Omesso versamento ritenute INPS: per la Cassazione il

Quando l’omesso versamento delle ritenute previdenziali è superiore a 10 mila euro annui, si concretizza l’illecito penale che è punito con la reclusione fino a 3 anni e con la multa fino a 1.032 euro.

Omesso versamento delle ritenute previdenziali: la

Il reato di omesso versamento delle ritenute previdenziali ed assistenziali, infatti, è a dolo generico, e risulta pertanto integrato dalla consapevole scelta di omettere i versamenti dovuti, ravvisabile anche qualora il datore di lavoro, in presenza di una situazione di difficoltà economica, abbia deciso di dare preferenza al pagamento degli

Omesso versamento ritenute previdenziali INPS: profilo

Gli omessi versamenti di ritenute previdenziali oltre i 10.000 euro annui comporta la reclusione sino a 3 anni e la multa sino a 50.000 euro . Il D. Lgs. nr. 8 del 15 gennaio 2016 (attuativo della Legge-delega 28 aprile 2014 nr.

Omesso versamento delle Ritenute Previdenziali: l

Come noto, ai senti dell’art. 3, co. 6, del Decreto Legislativo n. 8/2016, l’omesso versamento delle ritenute previdenziali, operate sulle retribuzioni del personale dipendente, nonché sui compensi erogati in favore di collaboratori coordinati e continuativi, per un importo superiore ai 10.000 euro annui, viene punito con la reclusione fino a 3 anni e con la multa fino ad euro 1.032.

Il reato di omesso versamento dei contributi previdenziali

L’omesso versamento delle ritenute previdenziali ed assistenziali operate dal datore di lavoro sulle retribuzioni dei lavoratori dipendenti integra la fattispecie di reato prevista dall’art. 2

Mancato versamento ritenute previdenziali ed assistenziali

Il reato di omesso versamento delle ritenute previdenziali ed assistenziali ha natura di reato omissivo istantaneo, per il quale il momento consumativo coincide con la scadenza del termine utile concesso al datore di lavoro per il versamento ed attualmente fissato, dall’art. 2, comma 1, lett.

DPC | Le Sezioni unite sul versamento di contributi

Omesso versamento di ritenute previdenziali e soglie di punibilità: dalla Corte costituzionale uno spunto per una valutazione sull’offensività della condotta; 1 dic ‘11 | Guglielmo Leo, Le Sezioni unite sulla equivalenza tra decreto di citazione e avviso di accertamento per l’omesso versamento di ritenute I.N.P.S.