malattia all estero inps

Malattia – INPS

Qualora la trasmissione telematica non sia possibile, il lavoratore deve, entro due giorni dalla data del rilascio, presentare o inviare il certificato di malattia all’Inps e l’attestato al proprio datore di lavoro.

WORK – Che Lavoro!: INPS: Malattia all’estero (Lavoro)

La prestazione potrà essere erogata solo dopo l’acquisizione da parte dell’Inps della certificazione “originale”, legalizzata a cura della rappresentanza diplomatica o consolare all’estero (Circ. 11/1991) .

Come richiedere la visita fiscale all’estero

Lavoratore che si ammala all’estero: comunicazione al datore di lavoro e all’Inps della malattia, richiesta di visita fiscale.

INPS – Home Page

Concorso pubblico 967 posti: valutazione titoli conseguiti all’estero Malattia: guida al certificato medico e alle visite fiscali Nella sezione “Assistenza” potrai trovare i principali canali di comunicazione con l’Istituto come INPS Risponde, il numero del Contact center e le Sedi INPS.

Malattia insorta all’estero: che fare? | Chiedilo a Lalla

nel caso di malattia insorta all’estero il certificato medico è valido se si tratta di Paesi appartenenti all’Unione Europea. Qualora la malattia sia intervenuta in Paesi non facenti parte

INPS compre la malattia all’estero

Sep 17, 2013 · Ti allego quanto dice l’INPS in merito LAVORATORI CHE SI AMMALANO ALL’ESTERO Nel caso di malattia insorta in un Paese della Comunità Europea, i nuovi Regolamenti comunitari (Reg. n. 883/2004 e n. 987/2009, entrati in vigore a decorrere dal 1°.05.2010) prevedono che venga applicata la legislazione del Paese dove risiede l’Istituzione competente, ovvero quella presso la quale è assicurato

Malattia insorta all’estero e obblighi del dipendente

Malattia insorta all’estero e obblighi del dipendente. Chiarimenti per la scuola Pertanto, il lavoratore dovrà presentare il certificato di malattia all’Inps e al datore di lavoro, entro

Certificato di Malattia Inps – Medicina Generale

L’originale del certificato deve essere legalizzato dal Consolato o dall’Ambasciata italiana all’estero e può pervenire all’INPS anche in seguito (oltre cioè i termini previsti). Anche in questi casi la malattia superiore a tre giorni interrompe le ferie dando diritto alla regolare indennità.

Malattia INPS: cos’è e come funziona, quanto spetta e chi

Malattia INPS: chi la paga? L’art. 2110 Cod. Civ., stabilisce che per alcune categorie di lavoratori, la retribuzione durante la malattia, debba essere pagata in via esclusiva dal datore di lavoro, mentre per altre l’indennità debba essere a carico dell’INPS.

Malattia all’estero | Studio Cassone

Malattia all’estero L’insorgere della malattia all’estero comporta adempimenti differenti a seconda che il lavoratore affetto sia occupato in un Paese dell’Unione Europea o convenzionato con l’Italia, ovvero Paese estero non convenzionato.